© 2017 by Sadhana Yoga Studio

September 12, 2019

Please reload

Post recenti

I'm busy working on my blog posts. Watch this space!

Please reload

Post in evidenza

Le Potenzialità del respiro

“Sembra paradossale ma la naturale evoluzione del respiro sfocia nell’apnea.”

 

L’apnea moderna è una disciplina prevalentemente mentale, il primo approccio è essenzialmente basato sul rilassamento e Il respiro rappresenta il fulcro del rilassamento. Se pensiamo che uno stato emotivo può alterare la respirazione, rendendola ad esempio veloce e superficiale, è vero anche il contrario, cioè possiamo controllare il respiro per renderlo lento e profondo ed avere quindi conseguenze benefiche a livello fisico ed emotivo.

Io pratico apnea da un po' di anni e come molti apneisti mi affido a una pratica millenaria: il Pranayama. L’etimologia di questa parola deriva da “Prana” e “Ayama”. Il Prana viene definito come la somma di tutte le energie contenute nell’universo e Ayama significa controllare. Quindi il Pranayama rappresenta la scienza di controllo delle energie vitali. Molti degli esercizi di controllo del Prana sono di carattere respiratorio e i benefici nella pratica dell’apnea sono molteplici.

L’obbiettivo degli apneisti moderni è quello di estrapolare alcune parti da questa pratica millenaria che possono agevolare la pratica dell’apnea. Respirare quindi per molti apneisti non è semplicemente fare il pieno d’aria, poiché “respirare in modo consapevole e corretto promuove il rilassamento fisico e arricchisce lo spirito”. Una respirazione lenta e profonda riduce la frequenza cardiaca, induce un rilassamento a livello muscolare, migliora l’ossigenazione del sangue e aiuta a neutralizzare gli stati d’ansia.

Oltre che una disciplina sportiva ricreativa l’Apnea viene anche praticata per finalità agonistiche. La pratica dell’Apnea agonistica si divide in due macro categorie: outdoor (al mare) e indoor (in piscina). Ognuna di queste due macro categorie ingloba a sua volta diverse specialità. Il primo ad introdurre lo Yoga e il Pranayama nella preparazione ai record di apnea profonda fu Jaques Mayol; il quale era convinto che la strada giusta da percorrere per ottenere buoni risultati fosse proprio la ricerca interiore e l’introspezione.    

Praticando quotidianamente le tecniche di respirazione derivanti dal Pranayama, insieme a un buon allenamento del sistema aerobico, la qualità della mia apnea è migliorata molto. Soprattutto, aver scoperto nuove vie per il rilassamento mi ha portato a godermi quella fase in cui l’apnea risulta semplice, senza attendere il disagio o la sofferenza, rovinando quindi anche il momento in cui esse non esistono.

 

   

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Seguici